Ozonoterapia: la migliore terapia per la cura della Fibromialgia - STUDIO MEDICO Gli Archi

Ozonoterapia: la migliore terapia per la cura della Fibromialgia

Migliore terapia per fibromialgia
La Fibromialgia colpisce in Italia più di 2 milioni di persone, di cui 9 su 10 sono donne. Una malattia cronica che stenta ad essere capita e riconosciuta, alla quale non vi è una vera e propria cura per guarire. Esiste però un rimedio totalmente naturale, l’Ozonoterapia sistemica. L’unica soluzione senza effetti collaterali estremamente efficace nel controllare questa sindrome cronica e invalidante. Scopri il nostro protocollo!

Cos’è la Fibromialgia?

Si tratta di una condizione cronica che colpisce prevalentemente giovani donne, con un rapporto uomini/donne di circa 1:9, caratterizzata da dolori muscolari diffusi (polimialgia) e sui punti dove i tendini si inseriscono sulle ossa, tanto da simulare dei dolori di tipo articolare (poliartralgia).

Tale condizione si differenzia dalle comuni patologie reumatiche poiché localizzata a livello extrarticolare e per l’assenza di infiammazione; quindi gli esami di laboratorio nel sangue risultano spesso normali.

Proprio per questo motivo negli ultimi anni si è reso necessario adottare delle linee guida per definire in modo accurato la diagnosi.

La causa purtroppo, come in moltissime altre patologie sistemiche, è sconosciuta; nei vari lavori scientifici pubblicati sull’argomento, le possibili cause che vengono maggiormente citate riguardano le alterazioni dei neurotrasmettitori (sostanze chimiche che il Sistema Nervoso utilizza per portare le informazioni tra cellule e cellule) o degli ormoni, coinvolti nella regolazione del sonno, dell’umore e comportamento, dell’appetito.

Qualche volta all’esordio della Fibromialgia si è trovata una correlazione con un evento scatenante come un’infezione virale.

La fatica è costante nella Fibromialgia, soprattutto la mattina al risveglio, talvolta descritta come senso di debolezza generale e presente in una percentuale tra il 75% e il 90% dei soggetti.

Come viene diagnosticata la Fibromialgia?

Fino al 1990 per diagnosticare la Fibromialgia si faceva riferimento ai criteri dell’American College of Rheumatology (ACR 1990), ossia alla presenza di dolore diffuso simmetrico da almeno 3 mesi e alla dolorabilità alla digitopressione in almeno 11 dei 18 punti evidenziati in figura (trigger points).

Trigger points fibromialgia
Trigger Points

Più recentemente l’American College of Rheumatology ha introdotto i seguenti nuovi criteri per la diagnosi della Fibromialgica, ora definita meglio come Sindrome Fibromialgica:

  • Sintomi tipici: dolore, fatica, disfunzioni del sonno;
  • Sintomi frequenti: mialgia e disfunzioni muscolari, rigidità, sensazione di gonfiore;
  • Sintomi aggiuntivi: neurologici, neurocognitivi, neuroendocrini, autonomici;
  • Sindromi associate: Sindrome delle Stanchezza Cronica, Sindrome Emicranica o Cefalgica, Sindrome del Colon Irritabile, Sindrome della Gamba Senza Riposo, Fenomeno di Raynaud, Sindrome Uretrale Femminile, Sindrome della Vescica Irritabile;

Come risulta evidente dai nuovi criteri diagnostici, Il quadro clinico non risulta caratterizzato soltanto dal dolore, ma spesso c’è un coinvolgimento globale dell’organismo tale da comportare delle inabilità alle normali attività della vita quotidiana e del lavoro, e soprattutto da impattare negativamente sulla qualità della vita e sugli aspetti psicologici; questo è il motivo per cui alcune delle persone affette da Fibromialgia, non riuscendo in alcun modo a risolvere il loro problema, finiscono per ricevere cure a base di farmaci antidepressivi.

La cosiddetta Sindrome da Stanchezza Cronica spesso è in sovrapposizione con la Fibromialgia, è stato stimato che il 20%-70% dei pazienti con Fibromialgia soddisfa anche i criteri per la Sindrome da Stanchezza Cronica e, viceversa, il 35-70% dei pazienti con Sindrome da Stanchezza Cronica presenta anche una Fibromialgia concomitante.

Come si presenta il dolore?

Il dolore è spesso descritto come di tipo “bruciante” ed è avvertito maggiormente nelle giornate umide e fredde, o in corrispondenza di sovraccarico muscolare o mancato riposo; in alcuni punti è particolarmente intenso alla digitopressione (trigger points).

Questa caratteristica assume una particolare importanza poiché, individuati in modo preciso questi punti, occorre trattarli in modo localizzato in aggiunta al trattamento sistemico.

Come si cura la Fibromialgia?

Non esiste ad oggi una cura per guarire dalla Fibromialgia.

Le varie opzioni terapeutiche farmacologiche per la cura della Fibromialgia, tra cui i vari antinfiammatori e antidolorifici presenti sul mercato, nelle varie combinazioni, così come i miorilassanti e gli antidepressivi, si sono rivelate spesso inefficaci.

L’esercizio fisico, le tecniche di rilassamento muscolare e il riequilibrio posturale oltre che la riduzione dei fattori di stress consentono di controllare in parte i sintomi.

L’Ozonoterapia, rimedio del tutto naturale e privo di qualsiasi effetto nocivo per l’organismo, secondo uno specifico protocollo di trattamento, si è dimostrata estremamente efficace nel controllare la Fibromialgia.

Il protocollo utilizzato consiste, nella stessa seduta, in un trattamento “sistemico” con ozonoterapia per autoemonfusione (prelievo di una quantità di sangue venoso che viene restituito al paziente dopo miscelazione con ossigeno-ozono secondo adeguata concentrazioni) associato ad un trattamento “locale” con ozonoterapia per infiltrazione su trigger points e sui muscoli dolenti.

Nel caso di difficoltà a reperire gli accessi venosi per consentire il prelievo ematico, in alternativa all’autoemoinfusione, è possibile utilizzare l’ozonoterapia per insuflazione rettale, anch’essa efficace ma in misura inferiore rispetto a alla prima.

Queste sedute terapeutiche, inizialmente vengono praticate 2 volte alla settimana per un ciclo di 6 settimane per poi passare ad una progressiva riduzione della frequenza fino ad un mantenimento di una seduta al mese.

Nella fase di mantenimento dei risultati ottenuti, il nostro protocollo prevede l’inserimento di sedute di ginnastica posturale e di crioterapia sistemica (criosauna).

Di seguito una serie di informazioni raccolte dal Medico per stabilire la gravità della condizione iniziale e i risultati ottenuti dopo la terapia. Osservando la tabella si dimostra come questa condizione possa determinare importanti limitazioni nella vita di tutti i giorni, per questo è necessario un approccio con un trattamento sistemico e locale, mantenuto nel tempo.

Informazioni per stabilire condizione
Score table

Perché rivolgersi al nostro Poliambulatorio?

Presso STUDIO MEDICO Gli Archi trattiamo con successo sia soggetti con Sindrome Fibromialgica che quelli con Sindrome da Stanchezza Cronica, il nostro protocollo di ozonoterapia segue le linee guide di SIOOT (Società Italiana di Ossigeno Ozono Terapia) e viene integrato con la correzione delle abitudini di vita che interferiscono negativamente con la sintomatologia e con un percorso di mantenimento con Ginnastica Posturale, Crioterapia Sistemica, e un'attività fisica moderata ma continuativa.

Le metodiche utilizzate, in particolare quella dell’ozonoterapia per autoemoinfusione, sono da considerarsi sicure poiché sono utilizzati dispositivi medici certificati e sono praticate da personale medico con assistenza infermieristica.

Ecco la testimonianza di Paola e come lei molte altre giovani donne:

Sono Paola ho 45 anni e nel maggio 2019 mi hanno fatto diagnosi di fibromialgia dopo lunghi mesi in cui sono stata cosi male e sottoposta a svariati esami strumentali/medici nessuno riusciva a darmi una spiegazione o meglio, ovviamente malattia psicosomatica. Quindi quando ho avuto una diagnosi sono stata quasi sollevata dalla cosa, ma purtroppo mi hanno prescritto terapie mediche che invece di farmi star meglio, la sintomatologia non passava, mi facevano stare anche peggio per via degli effetti collaterali. Un giorno, una persona a me vicina. mi ha indirizzato all'Ozono Terapia dicendomi che conosceva un medico che tratta anche i pazienti fibromialgici con l'Ozono Terapia. Mi sono informata poco su internet, lo ammetto, ho voluto fissare una visita e chiedere direttamente informazioni al Dott. Franzesi il quale mi ha illustrato in maniera chiara ed esaustiva il protocollo consigliato dalla società di Ozono Terapia una fase iniziale abbastanza intensa e poi successivamente il mantenimento, ovviamente il tutto in relazione alla mia situazione. Nell'ultimo periodo, abbiamo aggiunto all'Ozono Terapia un trattamento con "Criosauna" alternando le sedute nell'arco del mese in modo da garantire uno stile di vita buono. Posso dirlo ci sono giorni che sto bene, altri che sto meglio..e altri un pò così ma credo sia normale, visto che comunque svolgo una vita normale e lavoro (e visto il periodo attuale). Spero di aver dato il mio contributo con queste poche righe.

Paola

Anche Lady Gaga, famosa rock star ed attrice americana, dopo aver descritto la propria esperienza personale, suggerisce come l’Ossigeno Ozono Terapia sia la migliore soluzione alla Fibromialgia.

Speciale Fibromialgia

In occasione della Giornata Mondiale della Fibromialgia, STUDIO MEDICO Gli Archi organizza, Sabato 15 Maggio, un evento per far conoscere e introdurre il nostro protocollo di cura. Contattaci per una visita gratuita e per provare la crioterapia sistemica.

Fibromialgia copertina

Richiedi un appuntamento

Per accedere al nostro protocollo è necessaria una valutazione medica specifica. Prenota ora una visita dal nostro specialista!

Cosa facciamo con i tuoi dati? Privacy Policy - Cookie Policy