Ozonoterapia - STUDIO MEDICO Gli Archi

Ozonoterapia

Che cos’è l’Ozonoterapia?

L’Ozono (dal greco ὄζειν = puzzare) è l’elemento principale di questa terapia, si tratta di un gas incolore e puro, con un odore caratteristico, che si ottiene in natura a partire dall’ossigeno attraverso le scariche elettriche dell’atmosfera (formula chimica O3).

In medicina l’utilizzo di una miscela composta da ossigeno e ozono, nelle adeguate concentrazioni previste dai protocolli clinici e attraverso dispositivi medici particolarmente sofisticati, si è dimostrata estremamente efficace nella cura di molte patologie sia locali che sistemiche.

Hansler (1908-1981) realizzò il primo generatore di ozono per uso medico e descrisse per la prima volta le proprietà disinfettanti dell’ozono sui germi patogeni. Infatti, data quest’ultima caratteristica, la molecola fu ampiamente utilizzata durante la prima guerra mondiale nella disinfezione delle ferite settiche; da allora si è aperta la strada a numerosissime indicazioni dell’Ozonoterapia, più correttamente Ossigeno Ozono Terapia, in campo medico.

Come influisce l’ozono sull’organismo?

La Natura stessa offre all’uomo non solo nutrimento e un ambiente in cui vivere, ma anche il modo con cui curarsi, in modo naturale e senza rischi, attraverso le potenzialità di questo elemento presente nell’atmosfera.

Molteplici effetti biologici

L’Ozono, utilizzato sia a livello locale che sistemico, ha molteplici effetti biologici sull’organismo tra cui i più importanti sono:

Miglioramento della microcircolazione

Microcircolazione
Miglioramento della microcircolazione

Il miglioramento della microcircolazione, in quanto determina alcune reazioni sulle membrane delle cellule del sangue che diventano più deformabili potendo quindi scorrere meglio nei vasi sanguigni più piccoli, dove spesso la circolazione è più difficoltosa, come per esempio nelle patologie di tipo vascolare.

Miglioramento dell’ossigenazione

Ossigenazione
Miglioramento dell’ossigenazione

Il miglioramento dell’ossigenazione delle cellule di tutti i tessuti, con conseguente migliore attività mitocondriale dove avvengono le reazioni di produzione dell’energia; la maggiore disponibilità di energia consente di accelerare da un lato tutte le attività metaboliche dell’organismo, dall’altro di curare situazioni come la “Sindrome da Fatica Cronica” (in inglese Chronic Fatigue Syndrome – CFS).

Antibatterica, antivirale e antifungina

Antivirale
Antibatterica, antivirale e antifungina

Attività diretta antibatterica, antivirale e antifungina; l’Ozono si è dimostrato come il più potente disinfettante presente in natura, con effetti molto superiori per esempio a quanto ottenuto con il cloro per l’utilizzo ambientale. Questa proprietà risulta particolarmente utile nel combattere quelle infezioni legate a germi particolarmente resistenti agli antibiotici; l’Ozonoterapia per via sistemica attraverso la tecnica dell’autoemoinfusione si è dimostrata altamente efficace nella prevenzione e nella cura dei pazienti COVID positivi.

Miglioramento del Sistema Immunitario

Sistema immunitario
Miglioramento del Sistema Immunitario

Il miglioramento del Sistema Immunitario, attraverso tutta una serie di reazioni biochimiche a cascata che coinvolgono i meccanismi protettivi dell’organismo tra cui la produzione di anticorpi. Per quanto riguarda alcune patologie, cosiddette autoimmunitarie, in quanto determinate da un eccesso di produzione di autoanticorpi (anticorpi che attaccano le strutture stesse dell’organismo arrecando diversi danni), l’Ozonoterapia ha dimostrato un’azione immunomodulante, ossia di regolazione della corretta funzione immunitaria;

Anti infiammatoria e anti dolorifica

Anti infiammatoria
Anti infiammatoria e anti dolorifica

Attività anti infiammatoria e anti dolorifica attraverso l’inibizione all’interno dell’organismo della sintesi di sostanze, come le prostaglandine, che causano infiammazione e dolore, e la stimolazione della produzione locale di enzimi antiossidanti, quest’ultima attività si è dimostrata estremamente utile nel contrastare gli effetti dell’invecchiamento.

Che relazione c’è tra l’ozono e il dolore?

Il dolore è una condizione che affligge gran parte delle persone per un periodo più o meno lungo della loro vita ed è scatenato da varie cause: malattie infiammatorie, malattie degenerative, malattie circolatorie, malattie vascolari, traumi e tumori. In ciascuna di queste condizioni si generano dei danni ai tessuti come la cute, i muscoli, i tendini, i nervi, le ossa e le articolazioni, che comportano la produzione locale di sostanze chimiche infiammatorie che a loro volta stimolano dei recettori specifici per la trasmissione del dolore.

L’Ozono è in grado di bloccare la produzione di quelle sostanze chimiche che si formano nell’organismo e che sono alla base dell’infiammazione e quindi, di conseguenza, del dolore; nello stesso tempo il miglioramento indotto sulla microcircolazione e sulla ossigenazione delle cellule rallenta il processo degenerativo dei tessuti e favorisce la guarigione.

Quali sono i benefici dell’ozono in confronto a terapie farmacologiche?

Nella maggior parte dei casi i farmaci utilizzati per il controllo dell’infiammazione e del dolore hanno un’azione solo sintomatica e palliativa e soprattutto non priva di effetti dannosi per l’organismo, su organi importanti come fegato e reni, soprattutto se assunti in modo continuativo; inoltre nel tempo possono perdere la loro efficacia.

La presenza di poche controindicazioni ed effetti collaterali, oltre all’azione a lungo termine, poiché stimola i processi rigenerativi cellulari, rende l’Ozonoterapia da preferire rispetto alla terapia farmacologica, soprattutto nei pazienti già costretti ad assumere molte medicine perché affetti da più patologie.

In ogni caso questa terapia non risulta incompatibile con le altre terapie tradizionali ed è complementare ai percorsi fisioterapici e riabilitativi nella prevenzione delle ricadute.

Quando viene applicata l’ozonoterapia?

Se teniamo conto degli effetti biologici dell’ozono, così come sopra descritti, risultano moltissime le patologie che possono essere trattate efficacemente con l’Ozonoterapia, cercheremo di raggruppare quelle più comuni secondo gli apparati dell’organismo coinvolti.

ORTOPEDIA: Artrosi e Artrite delle piccole e grandi articolazioni – Reumatismo Articolare – Osteoporosi – Fibromialgia – Polimialgie – Tendiniti e Tendinosi – Processi infiammatori cronici in generale;

NEUROCHIRURGIA: Discopatie Degenerative, Protrusioni Discali, Ernie Discali della colonna vertebrale – Lombosciatalgia – Cervicobrachialgia;

NEUROLOGIA: Malattie Degenerative come l’Alzheimer, il Parkinson, la Sclerosi Multipla e la Sclerosi Laterale Amiotrofica – Sindrome da Stanchezza Cronica – Cefalee Vascolari e Miotensive – Sindrome Depressiva – TIA e Ictus – Emicrania;

DERMATOLOGIA: Herpes Zoster e Simplex – Acne – Eczema – Lipodistrofia o Cellulite;

REUMATOLOGIA: Artrite Reumatoide – Lupus Eritematoso – Vasculiti;

MEDICINA INTERNA: Epatopatie – Morbo di Crohn – Colite Ulcerosa – Colon Irritabile – Intolleranze Alimentari – Disbiosi Intestinale – Gastrite e Ulcera Gastrica – Helicobacter Pilori – Sitpsi – Diabete – Alterazioni del Metabolismo;

CARDIOLOGIA: Cardiopatia ischemica ed Angina – Sindrome post Infarto;

VASCOLARE: Arteriosclerosi – Insufficienza Venosa – Arteriopatie Periferiche Obliteranti – Ulcere;

UROGINECOLOGIA: Stati infiammatori e Infettivi delle Vie Urinarie e dell’Apparato Genitale – Prostatite ed Ipertrofia Prostatica;

PNEUMOLOGIA: Bronchite Cronica Ostruttiva – Ipertensione Polmonare – Asma e Rinite Allergica;

ONCOLOGIA: come coadiuvante delle terapie antitumorali, radio e chemioterapia, per limitare gli effetti dannosi sull’organismo e aumentare la tollerabilità;

GERIATRIA: per la sua attività rivitalizzante in contrasto con la produzione di sostanze tossiche nell’organismo che sono alla base dei processi dell’invecchiamento;

ODONTOIATRIA: trattamento della carie e disinfezione post chirurgia implantare.

In cosa consiste la terapia e come si effettua?

Consiste nella somministrazione di una miscela di gas ossigeno/ozono, generata da apposite apparecchiature collegate ad una fonte di ossigeno, con concentrazioni ben definite da precisi protocolli di trattamento e attraverso differenti vie:

  • per infiltrazione muscolare paravertebrale, per la cura delle discopatie, protrusioni ed ernie discali, utilizzando aghi e siringhe di dimensioni simili a quelle che comunemente si usano per le iniezioni muscolari a livello gluteo; va precisato che la sede dell’iniezione non è all’interno della colonna ma nei muscoli a lato della colonna, per questo motivo la tecnica è da considerarsi sicura e non invasiva.
  • per infiltrazione sottocutanea, per la cura delle contratture muscolari, della cellulite e delle insufficienze venose; in questo caso si usano degli aghi molto piccoli, circa 2-3 mm con una tecnica molto simile a quella della mesoterapia che tuttavia utilizza sostanze farmacologiche.
  • per infiltrazione intrarticolare e/o periarticolare (per la cura di artrosi e artrite); a differenza dell’utilizzo di cortisonici e altri farmaci antinfiammatori, soprattutto nelle terapie di lunga durata, l’infiltrazione intra articolare di ozono è altamente efficace e non danneggia le strutture articolari.
  • per insufflazione rettale, per la cura delle patologie infiammatorie intestinali, ma anche nei protocolli di trattamento di malattie sistemiche come la Fibromialgia, la Sindrome da Stanchezza Cronica, le allergie e i disordini del sistema immunitario in genere; attraverso una sonda di piccolo calibro, introdotta per circa 10 cm nell’ampolla rettale, si introduce il volume prescritto della miscela ossigeno-ozono, senza generare alcun fastidio nel soggetto.
  • per insufflazione vescicale o vaginale per la cura della patologia infiammatoria e infezioni ricorrenti; attraverso l’introduzione di un sottile catetere estemporaneo sterile che raggiunge la cavità da trattare.
  • per contatto, prevede l’applicazione di un sacchetto a tenuta al di sopra della cute lesionata, preventivamente lavata con acqua ozonizzata, che viene riempito con la miscela ossigeno/ozono e tenuto in sede per un certo periodo di tempo. Tale modalità è indicata nel trattamento delle ulcere diabetiche o lesioni vascolari e in presenza di infezioni.
  • per PAEI (Piccola Auto Emo Infusione) che consiste nel prelievo di una piccola quantità di sangue venoso (10 ml) in genere da una vena del braccio che viene miscelato successivamente nella stessa siringa con un volume equivalente di miscela ossigeno-ozono e iniettata intramuscolare nel muscolo gluteo. Questa metodica è particolarmente utile nel rafforzare le difese immunitarie.

L’Ozonoterapia, in quanto terapia naturale, non interferisce in alcun modo negativamente sull’organismo e con eventuali altri farmaci o altre sostanze assunte dal paziente, è rivolta a tutti e può essere fatta in qualsiasi momento, previa una valutazione iniziale medica che, stabilite le condizioni da trattare, definisca il piano terapeutico adeguato. Spesso l’inizio della terapia è contestuale alla valutazione iniziale.

Esistono delle controindicazioni per l’ozonoterapia?

L’Ozonoterapia, così come la maggior parte delle terapie, è controindicata, precauzionalmente, in gravidanza, anche se non ci sono dati o dimostrazioni scientifiche che possa nuocere alla salute della madre e del nascituro. Se utilizzata per via sistemica (GAEI), la terapia è sicuramente controindicata nell’ipertiroidismo e in soggetti affetti da favismo, mentre può essere utilizzata con particolare attenzione in concomitanza all’assunzione di anticoagulanti maggiori.

Se utilizzata per infiltrazione locale non comporta alcuna controindicazione, salvo l’eventuale iniezione intrarticolare che richiede la momentanea sospensione di terapie anticoagulanti (secondo schemi ben precisi) nei pazienti che li assumono, per ridurre il rischio di sanguinamento.

L’Ozonoterapia è in genere una terapia sicura con una percentuale di rischio molto bassa, purché venga praticata da Professionisti Medici esperti e soprattutto che seguano le linee guida emanate dalle Società Scientifiche di riferimento e le indicazioni del Ministero della Salute. Inoltre anche l’utilizzo di dispositivi medici a norma e certificati assume una capitale importanza per la sicurezza e nell’ottenimento dei risultati attesi

La nostra Struttura, pone particolare attenzione ai protocolli di cura e alle norme di igiene/sicurezza tramite l’utilizzo di dispositivi monouso, la loro corretta conservazione, e l’adeguata disinfezione cutanea prima di ogni pratica infiltrativa.

La Terapia infiltrativa prevede necessariamente l’utilizzo di aghi di dimensioni adeguate e differenti a secondo della sede anatomica da trattare e della profondità da raggiungere, comunque garantendo la minore invasività possibile. L’unica via di somministrazione dell’ozono senza aghi è quella per contatto, con l’applicazione di un sacchetto, utilizzata nel solo caso di lesioni della cute.

Quante sedute sono necessarie per ottenere dei risultati?

Il numero di sedute per ottenere dei risultati è molto variabile e dipende dalla condizione clinica, dalla sua gravità e da quanto tempo è presente. Esistono protocolli di trattamento diversi per ciascuna patologia che prevedono un numero di sedute differenti più o meno ravvicinate. Per esempio il protocollo di trattamento per una ernia discale consiste in 12-15 sedute con cadenza due volte alla settimana.

L'ozonoterapia può essere praticata da tutti i medici?

L’Ozonoterapia può essere praticata da Medici in possesso della laurea in Medicina e Chirurgia che abbiano conseguito un percorso didattico specifico e definito dall'Istituto Superiore di Sanità:

Ozonoterapeuta di 1° livello

  • partecipazione a un corso teorico-pratico SIOOT accreditato ECM
  • stage di almeno 40 ore presso un Centro SIOOT
  • presentazione di una tesi sull'attività pratica ambulatoriale di almeno 6 mesi

Ozonoterapeuta di 2° livello

  • partecipazione ad un Master Universitario di Ossigeno-Ozono Terapia (Napoli, Pavia)

Tutti i Medici che praticano l’Ossigeno Ozono Terapia devono obbligatoriamente utilizzare dispositivi medici a norma CEE con revisione ogni 200 ore di funzionamento e/o 4 anni di utilizzo e partecipazione una volta all'anno ad un corso teorico-pratico SIOOT di aggiornamento.

Affidati a medici specialisti esperti

STUDIO MEDICO Gli Archi ha organizzato il proprio Poliambulatorio nel rispetto di tutte i requisiti di qualità e sicurezza, avvalendosi di Medici Specialisti esperti e adeguatamente formati, oltre che di dispositivi per l’Ozonoterapia certificati, con la possibilità di offrire ai propri utenti questo tipo di terapia naturale ed innovativa per tutte le indicazioni e vie di somministrazione previste. Grazie a queste caratteristiche la Struttura è certificata da S.I.O.O.T. (Società Italiana di Ossigeno Ozono Terapia) come Centro d’Eccellenza in Italia per l’Ozonoterapia.

Richiedi un appuntamento

Richiedi ulteriori informazioni e prenota la tua prima seduta previa una valutazione medica iniziale.

Cosa facciamo con i tuoi dati? Privacy Policy - Cookie Policy